Select Page

IL CRISTO NEL LABIRINTO DEL MINOTAURO, IL MISTERIOSO AFFRESCO DI ALATRI

IL CRISTO NEL LABIRINTO DEL MINOTAURO, IL MISTERIOSO AFFRESCO DI ALATRI

Per i turisti potrebbe essere un semplicissimo affresco, un po insolito, ma nulla di strano. Per gli studiosi di storia e simboli vedere il Cristo disegnato all’interno di un labirinto ha un valore impagabile. Un racconto che potrebbe unire la leggenda del Minotauro al Cristianesimo.

L’affresco si trova nel cuore della città di Altri, all’interno della chiesa di San Francesco, ed è venuto alla luce solo nel 1997 durante un restauro. Fu il caso a volere che i restauratori lo trovasse, infatti non era menzionato da nessun testo. Molto strano che un affresco di 140 cm di diametro, sopra un’intercapedine nel chiostro della chiesa, non sia mai citato. Quello che però rende questo affresco ancora più strano è il fatto che in 2000 anni di storia del cristianesimo nessuno abbia mai unito il simbolo del Cristo con quello del labirinto. Ma chi lo disegno? All’entrata della chiesa è evidente un affresco in cui è rappresentata la croce templare, quella rossa e con  le estremità che mi allungano verso l’esterno. Infatti l’attuale convento venne costruito sul sito di una chiesa di origini templari e quell’affresco esisteva già dai tempi dei cavalieri, infatti le volte e le arcate che sostengono la parete su cui è stato raffigurato, appartengono ad epoca inferiore al chiostro.

Cristo_nel_labirinto_Alatri ACIMS

Ad essere sicura la derivazione templare dell’immagine è il fatto che il labirinto in cui è contenuto il Cristo è identico a quello presente in un’altra chiesa europea, finanziata anch’essa dall’ordine cavalleresco, cioè la Cattedrale di Chartres. Qui l’affresco è per terra, posto nella navata centrale, e rappresenta un simbolico cammino verso la salvezza, tanto che è i suoi “corridoi” disegnati sono della larghezza giusta per permettere ai pellegrini di percorrerlo. Perché tanto interesse per questo affresco? L’unicità di questi due simboli non basta a spiegarne la valenza storica e mistica. Infatti, il simbolo del labirinto è il più antico della storia umana, viene considerato un archetipo della civiltà, infatti esso è presente tra civiltà diverse e sempre con la stessa forma, quella della tripla cinta. Infatti dalla Gran Bretagna alla Sardegna, dal Medio Oriente alla Francia, dall’Arizona al Perù, dal Nuovo Messico alla Cina, quel simbolo è spesso raffigurato con tre cinte murarie.

alatri_chiesasanfrancesco

Se vogliamo essere precisi quando Platone descrisse la struttura della città di Atlantide, spiegò che essa era sì su un’isola, ma posta sul mare e circondata da tre cinte murarie protette ognuna da un grande canale circolare. La stessa struttura labirintica è rappresentata nella storia di Minosse, re di Creta quando generò insieme a Pasifae il mostro metà uomo e metà toro, che ha preso il nome di Minotauro.

Un affresco anomalo ed unico, che unisce un simbolo misteriosamente posseduto da ogni civiltà del passato di ogni luogo e tempo, unito al simbolo universale del Cristo. Un segreto che probabilmente solo i suoi committenti conoscevano, cioè i noti Cavalieri Templari.

About The Author

Orazio Giannone

Autore italiano del thriller storico: "I delitti del Duomo Modena". I suoi libri raccontano di curiosità e di miti dimenticati. Socio ACIMS & collaboratore redazionale. "Posso solo dire di essere un sognatore, l'unico motore che ti può portare lontano".

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Tweets

Translate »