Select Page

Le pietre che si muovono da sole.

Le pietre che si muovono da sole.

 

Nessuno le ha mai viste in movimento eppure la lunga traccia che lasciano dietro di loro conferma che si muovono.
Chiamate pietre mobili, a vela o scorrevoli (in inglese sailing stones, sliding rocks o moving rocks), sono un misterioso fenomeno geologico che consiste nel movimento di rocce per lunghi percorsi, senza alcun intervento umano o animale. Sul meccanismo che permette a queste grandi pietre di spostarsi sono state fatte molte ipotesi, ma ancora non è stato compreso fino in fondo.
Molte di queste rocce vaganti si trovano a Playa Racetrack, nella Valle della Morte (California), il fondale di un antico lago piastrellato da tanti piccoli esagoni di fango inaridito.
Le pietre, di grandezza variabile dai pochi grammi a mezza tonnellata, iniziano a muoversi in genere ogni 2/3 anni e continuano a spostarsi per 3/4 anni, lasciandosi alle spalle dei solchi scavati nel terreno. Alcune percorrono solo di pochi metri, mentre altre qualche decina, muovendosi in linea retta, a zig-zag o in cerchi concentrici.

Altra stranezza: pur iniziando a spostarsi contemporaneamente, alcune pietre restano vicine per un po’ e poi cambiano improvvisamente direzione, intersecano le loro traiettorie e addirittura tornando indietro. Ma non è tutto: pietre della stessa forma e dimensione, a parità di condizioni, possono percorrere distanze differenti, mentre alcune si girano su se stesse e altre vanno in salita. Insomma, un vero rompicapo.
Per cercare di risolverlo sono stati fatti alcuni studi che approdano però a conclusioni diverse e non esaustive. Secondo la teoria più accreditata, basata sulle ricerche svolte nel 1995 da alcuni fisici, le forti tempeste invernali con venti che talvolta raggiungono i 145 km/h, a certe condizioni meteorologiche darebbero inizio allo spostamento delle pietre sul terreno reso scivoloso dalla pioggia; successivamente, il loro movimento sarebbe sostenuto da venti più moderati. Ma in tal caso come si spiegano i loro percorsi differenti o quando tornano indietro? E perché alcune rimangono ferme mentre altre vicine si muovono?
Altre ipotesi chiamano in causa il campo magnetico terrestre e i terremoti, mentre i più scettici arrivano a supporre che il loro spostamento sia opera di qualche addetto ai lavori per attrarre i turisti.

Gli studi di Paula Messina

Dal 1993 tra i più attenti studiosi del fenomeno delle rocce mobili della Racetrack Playa, nella Valle della Morte, vi è la Dr. Paula Messina, assistente di geologia presso la San Jose State University (California).
Secondo la Dr. Messina l’elemento fondamentale del fenomeno è il vento: nell’ambito della Death Valley, l’area della Racetrack Valley ha un suo proprio microclima, più piovoso, rispetto al resto della regione, e con temperature invernali molto più rigide. Lo stretto passo all’estremità sud-occidentale della valle costituisce un imbuto naturale all’interno del quale sono convogliati venti molto forti, i cui effetti arrivano a sagomare in modo curioso le rocce (si parla di “ventifacts” o “ventifatti”, oggetti fabbricati dal vento) con getti di sabbia abrasiva trascinata a velocità da uragano.

Lo studio accurato delle rocce, con il ricorso a tecniche sofisticate, è stato di poco aiuto, anche perché le rigide norme che regolano le attività nei parchi naturali vietano di impiantare stabilmente qualsiasi tipo di attrezzatura, ma appare credibile che i movimenti avvengano quando il vento raggiunge la velocità di un uragano ed il suolo è reso scivoloso dalla pioggia o dal ghiaccio.
Paula Messina e la sua squadra di ricercatori hanno rilevato che le pietre mobili non sono soltanto nella Valle della Morte e in California e Nevada vi sono altre otto località nelle quali il fenomeno si presenta.

FONTE : http://www.focus.it/curiosita/mistero/le-pietre-mobili-nella-valle-della-morte_C38.aspx

FONTE : http://www.naturasegreta.it/le-pietre-mobili.php?mostra=3#01

 

 

About The Author

Tommy.Cantafio

Presidente & Fondatore dell’A.C.I.M.S MisteriDellaStoria.com

Specialista IT Microsoft, programmatore e Web-designer. Nel tempo libero mi dedico alle mie due più grandi passioni; ovvero la storia e l’informatica; tanto che ho deciso di realizzare questo sito. Mi avvalgo di quelle che sono le mie ” potenzialità ”di progettatore e web designer e collaboro con i miei più fidati amici.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Tweets

Recent Videos

Loading...