Select Page

Le piramidi di Montevecchia in Val Curone

Le piramidi di Montevecchia in Val Curone

Nel 2001 l’architetto Vincenzo De Gregorio ha scoperto l’esistenza, nella Val Curone in Lombardia, di colline somiglianti straordinariamente a piramidi realizzate da esseri intelligenti. In seguito, queste strane colline sono state indagate da diversi studiosi. Le piramidi della Val Curone sono situate – all’interno dell’omonimo parco naturale – in Lombardia, a circa 40 chilometri a nord est di Milano e a circa 15 chilometri a sud di Lecco, all’interno del comune di Rovagnate, nel cui territorio c’è un piccolo villaggio di nome Montevecchia, vicino a cui ci sono tre colline dalla evidente forma di piramidi allineate. Queste colline sono state scoperte dall’architetto Vincenzo De Gregorio nel 2001. La più alta – che misura 150 metri – sarebbe una gigantesca piramide, più alta ancora di quella detta di Cheope (146 m) sulla piana di Giza in Egitto. La rivista WM della Repubblica Ceca ha pubblicato un reportage su queste ricerche nel maggio 2003.

civd-00

Nei primi mesi del 2001, le piramidi della Val Curone, furono rilevate attraverso l’osservazione di immagini satellitari e aeree. Queste piramidi sono oggi completamente coperte dal terreno e dalla vegetazione, e hanno l’apparenza di colline naturali. La notizia della scoperta di colline piramidali lombarde, la quale seguiva di non molto tempo quella delle piramidi in Bosnia, aveva colpito lo staff della rivista ceca di fantarcheologia WM, e il direttore Georg Wojnar – assieme ai suoi collaboratori – si recò a visitare l’area. Giunsero nella zona l’8 maggio 2003, al mattino molto presto per individuare il sito. Dal momento che non era facile rendersi immediatamente conto delle colline a forma di piramide, le prime analisi preliminari vennero compiute due giorni dopo l’arrivo.

uuuuuuuuuuuuuuu1

Le conclusioni del direttore di WM e dei suoi giornalisti apparvero sulla rivista ceca nel giugno del 2003. Secondo l’articolo pubblicato, la piramide n°1 aveva una base stimata in 100 metri, con un’altezza di 50. Tre colline a forma di piramide furono rilevate, una di esse mostrava tracce evidenti di blocchi di pietra messi assieme dalla mano dell’uomo. Inoltre, era chiara la presenza di uno spiazzo dalla forma allungata misurante 18 x 9 metri. Tutte le tre strutture avevano un’inclinazione di 42-43°. I lati di ogni piramide erano allineati, e deviati dai punti cardinali di circa 7-12° in direzione nord-est. Il team di WM si domandò se questo fosse un errore di progettazione o un segno che sotto questa anomalia vi fosse qualcosa di più sconcertante. Fin dalle analisi iniziali delle foto aeree e satellitari, si era cominciato a confrontare la configurazione delle piramidi di Montevecchia comparandola con quella della piana di Giza – e dunque con la costellazione di Orione. Il gruppo di giornalisti proveniente dalla Repubblica Ceca, ha affermato che la sua ricerca in situ mostra come le piramidi sono effettivamente allineate col passaggio di Orione all’alba del solstizio d’estate. Tra l’altro, la località di Montevecchia dista solo ottanta chilometri dalle celebri pitture rupestri della Val Camonica, un altro luogo interessante della Lombardia, dal punto di vista dei misteri archeologici e antropologici.

Gabriela Lukacs (assieme al suo compagno ricercatore Nenad Djurdjevic) compì un viaggio di ricerca a Montevecchia nell’ottobre 2007, presentando le sue investigazioni alla conferenza ICBP di Sarajevo nell’agosto 2008. Le tre colline-piramidi hanno la loro visibilità migliore proprio da Montevecchia. Lo stesso paese – di antica origine – è situato su una collina assieme al convento delle Carmelitane , situato sulla cima più alta. Una constatazione sorprendente è che quell’area ha la morfologia di un enorme bacino circondato da 7-9 colline piramidali. Le tre piramidi individuate da Vincenzo De Gregorio, anche se non è immediatamente facile individuarle, non sono le sole nell’area!

piramidi-satellite-02

Le ricerche della Lukacs e del suo compagno, portarono a diverse sorprese e a un nuovo approccio verso le colline di Montevecchia: come si è detto, 7-9 colline a forma di piramidi a terrazze possono essere viste nell’area a forma di bacino sulla quale si sporge il vecchio centro rurale; non solo è chiaramente visibile la loro forma piramidale, ma anche passaggi, bordi e cime lavorate in modo da mostrarle appiattite; due colline sono parallele e i loro lati sono allineati – con una lieve deviazione di 7-12° verso le direzioni dei punti cardinali; una collina è differente in modo lieve dalle altre, come posizione e allineamento; i percorsi di salita verso le cime seguono i bordi sul lati a sud-est e a sud-ovest; tutte e tre le colline individuate da DeGregorio sono collegate tra di loro da un percorso che va da nord a sud; la piramide 1 e la piramide 2 (chiamata“belvedere Cereda”) hanno terrazze coperte d’erba; la piramide 3 è nascosta completamente da boschi e arbusti; P1 ha una cima appiattita da cui spuntano undici alberi di cipresso; P2 ha una specie di altopiano elittico di 9 metri per 18 costruito con enormi blocchi di pietra, scolpiti e tagliati per essere messi in situ, entrambi i centri dell’elisse possono ancora vedersi sull’altopiano, inoltre, questa stessa collina ha il lato principale orientato perfettamente a est, le popolazioni celtiche hanno successivamente utilizzato questa caratteristica (ereditata da una ignota civilizzazione precedente) per i riti astrologici; da tutte e tre le cime delle colline può essere osservato il sorgere del sole a oriente dietro le montagne delle Alpi, rendendola un eccellente piattaforma di osservazione; sulla piattaforma della P2 ci sono dei menhir caduti; tutte le terrazze sono costruite da muri composti da pietre a secco, i quali hanno un’altezza media di 50 cm; muri di pietra a secco sono fatti di massi di taglio rettangolare dai lati piatti ed angoli retti, e non si tratta di pietre da campo; le terrazze dei vigneti sui pendii più piccoli della valle, seguono la topografia del terreno; i camminamenti sulle colline piramidali sono dritti, coi livelli bilanciati e paralleli; l’inclinazione di 42-43° delle colline può essere legata all’altezza delle strutture delle terrazze fatte da mano umana, le quali, tutte assieme, raggiungono i 50 metri, forse anche i 150. Una splendida vista si può godere da questi rilievi che circondano la valle del Curone, e nelle giornate limpide è distinguibile pure la città di Milano.

ooooooooooooooooooee5

Infine, questi sono i dettagli rilevati dalle indagini di Gabriella Lukacs e Nenad Djurdjevic sulle piramidi (identificate come P1-P2-P3…ecc): distanze P1-2=515 m, P2-3=565 m

Coordinate delle sei possibili piramidi ed elevazione delle colline:

P1 45°43′41/9°22′18 416 m
P2 45°43′26/9°22′26 370 m
P3 45°43′51/9°21′51 460 m
P4 45°42′24′/9°22′19 438 m (collina coperte da vigneti)
P5 45°42′19/9°22′37 425 m (collina con in cima il convento delle Carmelitane)
P6 45°42′20/9°22′43 392 m (collina con costruzioni private).

Fonti:  http://guide.supereva.it/fantarcheologia/interventi/2010/05/le-piramidi-di-montevecchia-in-val-curone

About The Author

Tommy.Cantafio

Presidente & Fondatore dell’A.C.I.M.S MisteriDellaStoria.com

Specialista IT Microsoft, programmatore e Web-designer. Nel tempo libero mi dedico alle mie due più grandi passioni; ovvero la storia e l’informatica; tanto che ho deciso di realizzare questo sito. Mi avvalgo di quelle che sono le mie ” potenzialità ”di progettatore e web designer e collaboro con i miei più fidati amici.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Tweets

Recent Videos

Loading...