Select Page

Il quadro del diavolo a Perugia

Il quadro del diavolo a Perugia

E’ una delle chiese più belle e più ricche di elementi artistici di tutta l’Umbria, si tratta della basilica di San Pietro a Perugia. Pochi conoscono però il suo più prezioso tesoro, il più grande quadro al mondo, il “Trionfo dell’ordine dei Benedettini” di ben 92 metri quadri. La spettacolarità di questo quadro non finisce però qui, infatti è conosciuto con un secondo nome, “Il quadro del Demonio”.

 3-s.pietro

E’ strano come questo immenso quadro sia così sbrigativamente descritto dalle guide turistiche, tanto da essere solo citato da Wikipedia. Il Trionfo vede raffigurati santi, papi, cardinali, vescovi, abati e i fondatori dell’ordine dei Benedettini e dei loro correlati come i Camaldolesi o i Silvestrini, tutti a contornare il grande fondatore dell’ordine monacale più famoso d’Europa, San Benedetto da Norcia.

 Sino a qui un enorme quadro dalle figure che aumentano ancor più la sua maestosità, ma nessun particolare mistero. Tutto vero, finché non si osserva dall’altare maggiore, quindi mantenendo una certa distanza, e si distoglie lo sguardo dalle singole figure per immaginare invece i soggetti in un unico complesso. In particolare, se osserviamo San Benedetto e i due squarci di cielo che contengono il sole e la luna, al loro posto si vedrà una figura inquietante, senza dubbio demoniaca.

quadro702

 San Benedetto è il naso, i due squarci di sono gli occhi, San Pietro e San Paolo sono le orecchie, mentre i due ciuffi sono le corna. Inoltre i benedettini di spalle, che sono assolutamente inutili da un punto di vista storico dato che non se ne vedono i volti, con poca immaginazione li si riconosce come zanne di questo essere. E’ solo un gioco di ombre e luci?

 Certo che no, per il semplice motivo che non ci sono al mondo quadri simili a questo. Infatti tutti i quadri con centinaia di personaggi sembrano fatti ad imbuto, cioè sembrano tutti gettarsi verso il centro, posto occupato spesso dal Cristo, invece qui la formazione è per lo meno strana, se non per dire ambigua. La chiesa stessa contiene altri misteri, uno degli ultimi scoperti riguarda l’originale chiesetta su cui è stata costruita, edificata in segreto nel periodo apostolico, metà del I secolo, presentando le medesime caratteristiche stilistiche della tomba di San Pietro a Roma.

 

About The Author

Orazio Giannone

Autore italiano del thriller storico: "I delitti del Duomo Modena". I suoi libri raccontano di curiosità e di miti dimenticati. Socio ACIMS & collaboratore redazionale. "Posso solo dire di essere un sognatore, l'unico motore che ti può portare lontano".

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Tweets

Translate »