Select Page

El tredesin de Marz

Una delle feste più antiche di Milano è quella del Tredesin de Marz, e risale a più di duemila anni fa e deriva dalla famosa pietra incastonata nel pavimento della Chiesa di Santa Maria del Paradiso. Secondo una leggenda, il 13 marzo dell’anno 51 San Barnaba predicò il vangelo di Cristo in una radura poco fuori Milano dove era ancora viva la tradizione celtica. Egli alzò la croce sopra una pietra rotonda: il Tredesin de Marz, dove alcuni cittadini erano riuniti per una celebrazione. La pietra è rotonda con un buco in mezzo e una raggiera di tredici linee incise conosciuta come “pietra del Tredisin de Marz”, collegata al culto di San Barnaba e oggetto di grande venerazione nei secoli. Inizialmente era custodita in San Dionigi a Porta Venezia, mentre oggi la troviamo incastonata nel pavimento centrale di Santa Maria al Paradiso, in corso di Porta Vigentina al 14.

 

“El Tredesìn de Marz,” festa tipicamente milanese, annuncia il cambio di stagione ed è sinonimo di Festa dei Fiori. Un’antica usanza vuole che al “tredesìn de marz” si tagliavano i capelli ai bambini, perché poi ricrescessero folti e robusti.

 

 

“E quî giornad del tredesin de Marz ?
Gh’era la fera, longa longhera, giò fina al dazi, coi banchitt de vioeur,
de girani, coi primm roeus, e tra el guardà, l’usmà, el toccà,
se vegneva via col coeur come on giardin, pensand al bell faccin de
Carolina che sotta al cappellin a la Pamela e col rosin sul sen
la pareva anca lee la primavera”.

(Emilio de Marchi)

 

Video di Joni Preti

Fonte: https://www.milanofree.it/milano/monumenti/el_tredesin_de_marz.html

 

About The Author

Tommy.Cantafio

Presidente & Fondatore dell'A.C.I.M.S MisteriDellaStoria.com Specialista IT Microsoft, programmatore e Web-designer. Nel tempo libero mi dedico alle mie due più grandi passioni; ovvero la storia e l’informatica; tanto che ho deciso di realizzare questo sito. Mi avvalgo di quelle che sono le mie ” potenzialità ”di progettatore e web designer e collaboro con i miei più fidati amici.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recent Tweets

Translate »